La conservazione sostitutiva Ŕ una procedura legale/informatica regolamentata dalla legge italiana, in grado di garantire nel tempo la validitÓ legale di un documento informatico, inteso come una rappresentazione di atti o fatti e dati su un supporto sia esso cartaceo o informatico (delibera CNIPA 11/2004).
La conservazione sostitutiva equipara, sotto certe condizioni, i documenti cartacei con quelli elettronici e dovrebbe permettere ad aziende e all'amministrazione pubblica di risparmiare sui costi di stampa, di stoccaggio e di archiviazione. Il risparmio Ŕ particolarmente alto per la documentazione che deve essere, a norma di legge, conservata per pi¨ anni.
Conservare digitalmente significa sostituire i documenti cartacei, che per legge alcuni soggetti giuridici sono tenuti a conservare, con l'equivalente documento in formato digitale che viene bloccato nella forma, contenuto e tempo attraverso la firma digitale e la marca temporale.╚ infatti la tecnologia della firma digitale che permette di dare la paternitÓ e rendere immodificabile un documento informatico, affiancata poi dalla marcatura temporale permette di datare in modo certo il documento digitale prodotto.
Level A conformance, W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0